11 gennaio 2021

Igiene nasale nei bambini: perché è così importante?

Come evitare i primi malanni di stagione per i bambini? Perché è così importante prendersi cura dell'igiene del naso?

Lo spieghiamo in questo articolo!

Il naso, oltre ad essere l’organo di senso dell’olfatto, rappresenta anche e soprattutto l'entrata principale dell’aria nelle vie respiratorie. Ha la funzione di riscaldare e purificare l’aria che inspiriamo, depurandola da tutte le particelle nocive. Per questo motivo, la corretta respirazione deve avvenire dal naso e non dalla bocca, in quanto il naso protegge le vie respiratorie riscaldando, umidificando e pulendo l’aria che respiriamo.

Per prevenire raffreddore, otite o tosse nei bambini, è fondamentale mantenere le mucose nasali ben pulite fin dalla prima infanzia. L'ostruzione del naso fa sì che i bambini inizino a respirare con la bocca facendo entrare aria fredda e non filtrata da germi e batteri esterni. A questo punto, le barriere interne costituite da tonsille ed adenoidi, si attivano e si ingrossano al fine di contrastare i germi fino a diventare troppo grandi e da curare con cure farmacologiche.

Lavaggi nasali: a cosa servono?

Si può comprendere, dunque, l’importanza di mantenere ben pulito il naso nei bambini di qualsiasi età, in modo da consentirgli di svolgere al meglio la sua funzione di “purificatore d’aria”.

Nei primi mesi di vita il neonato respira solo dalle narici e presenta una forma di respirazione che gli consente di deglutire e respirare allo stesso tempo. Per questo motivo è fondamentale che il nasino venga tenuto costantemente libero, inoltre il neonato sarà così facilitato nel gesto della poppata e dormirà più tranquillamente.

Entrano in gioco, a questo punto, i lavaggi nasali! La pulizia completa prevede due fasi: lavaggio e aspirazione del muco.

Per i bambini sotto i due anni d'età, il lavaggio si può eseguire attraverso l'utilizzo di soluzioni fisiologiche effettuate con una siringa (naturalmente priva di ago), alla quale si possono agganciare dei piccoli nebulizzatori che consentono di disperde meglio la soluzione nelle cavità nasali. In caso si dovessero praticare i lavaggi nasali fuori casa, si possono utilizzare i flaconcini monodose; mentre per i bambini più grandi una valida alternativa è costituita dagli spray nebulizzatori.

Come eseguire i lavaggi nasali?

La posizione per effettuare la pulizia cambia a seconda dell'età del bambino. I neonati si possono appoggiare di lato sul fasciatoio con un cuscino sottile sotto la testa per evitare che la soluzione fisiologica vada in gola.

Per i bambini più grandi è sufficiente farli mettere seduti o in piedi, con la testa ben ruotata prima da un lato poi dall'altro.

Una volta trovata la giusta posizione si inserisce la siringa, o il beccuccio del flaconcino o dello spray, nella narice e si direziona lo spruzzo verso l'orecchio, facendo attenzione che l'acqua ed il muco escano correttamente dall'altra narice. Naturalmente questa operazione va fatta da entrambi i lati.

La seconda fase dell'aspirazione è utile per eliminare il muco in eccesso dopo il lavaggio, quando i piccoli non sono ancora in grado di soffiare il naso autonomamente. I bambini più grandi, invece, possono procedere da soli semplicemente soffiando il naso.

Il lavaggio nasale è una pratica fondamentale, indolore e a basso costo, spesso sottovalutata ma che aiuta invece i bambini a proteggerli da condizioni croniche. Se effettuata fin dai primi mesi di vita, il bambino imparerà ad accettarla senza grandi problemi.

Scopri qui i prodotti dedicati all'igiene del naso dei bambini!


Ultimi articoli

11 gennaio 2021

Igiene nasale nei bambini: perché è così importante?

Come evitare i primi malanni di stagione per i bambini? Perché è così importante prendersi cura dell'igiene del naso?

Lo spieghiamo in questo articolo! Il naso, oltre ad essere l’organo di senso...

11 novembre 2020

Pelle secca? Scopri come combatterla

La tua pelle è fragile, ruvida e si desquama facilmente?

Scopri cos'è la pelle secca, quali sono le sue caratteristiche e come si può risolvere questa sensazione di disagio. Cos'è la pelle secca?

La...

12 ottobre 2020

Quercitina e Covid-19: lo studio che divide la scienza

C’è molta curiosità sulla notizia diffusa in queste ore da uno studio internazionale a cui ha partecipato anche il Cnr-Nanotec di Cosenza che suggerisce come la quercetina – un composto di origine naturale...